Cari Amici sta per volgere al termine questo anno e fra le tante cose da fare ho pensato di scrivere questa lettera per ricordare i momenti salienti della nostra attività.
Pensavo che l’attività di Presidente fosse più facile: mi accorgo però, e il vice Presidente me lo rammenta spesso, che è un incarico intenso pieno di richieste, presenze, decisioni, risoluzione di problemi, impostazione di nuovi eventi ed attività. Insomma mai un momento libero. La mia professione ha subito una parentesi che spero venga riaperta appena finisco il mandato. La famiglia mi ricorda le mancanze in termini di presenza ma anche di libertà mentale e di dedizione sentimentale, le assenze non si contano e nel contempo le richieste aumentano sempre di più perché i figli crescono e la moglie “bussa”.

Questa è la storia ed è la mia vita attuale. Ma… sono egualmente felice perché nonostante questo loro capiscono e mi spronano a terminare il mandato sperando che tutto si ristabilisca. Non so però cosa c’è dietro l’angolo!!
Intanto la società sta navigando, a mio parere, bene. I programmi che ci siamo dati sono in perfetta realizzazione.

La commissione DRG ha prodotto un pacchetto di raccolta interventi con corrispettivi DRG che presto verrà messo online sul sito. I dati raccolti sono stati stimolati dalla richiesta della SIOT di ottenere dati da tutte le sue sottospecialità (noi incluse come GISCM) per trattare con il Ministero. All’ultima assemblea SIOT durante il congresso di Roma il neopresidente Capanna ha chiarito che i fondi per i DRG sono sempre gli stessi e difficilmente aumenteranno (forse diminuiranno) per cui al massimo ci sarà un reimpasto invece che un incremento di remunerazione per alcuni interventi.

Quindi, poiché sarà lui o chi per lui a trattare (non penso decida lui ma il Ministero), non possiamo aspettarci favori o quanto meno miglioramenti. In contrapposizione De Mas ha trovato un canale per raggiungere il Ministero della Salute e a lui è stato consegnato il pacchetto partorito dalla commissione ed è giunto sul banco del Ministero (almeno speriamo, e speriamo non resti lì invano). Vediamo nei prossimi mesi cosa succede.
Sandra Pfanner ha fatto un gran lavoro coadiuvata dalla sua commissione ed assistita dal CD producendo il documento finale del censimento suddividendoli in centri accreditati e centri SICM, più i centri CUMI. I primi sono in linea con le richieste FESSH, mentre i secondi raccolgono tutti i centri che più o meno si dilettano a fare mano in campo pubblico o privato. I centri CUMI invece rispondono ai requisiti delle urgenze.

Bassetto e la sua commissione hanno prodotto una nuova rivista, ottima sotto il profilo di stampa nonché dei contenuti, che fascicolo dopo fascicolo acquista sempre più qualità. Il fine è quello di ottenere l’entrata in Pub Med. Due anni ci servono per questo riconoscimento, non scevro da ostacoli. In primis serve costanza di uscita dei numeri (3-4 per anno), scientificità delle pubblicazioni e un board nazionale e straniero di qualità. L’aiuto e l’esperienza di Garnero ci porterà a raggiungere questo traguardo. La richiesta che nasce dalla società è quella di stimolare tutti chirurghi della mano a pubblicare sulla rivista: facciamo uno sforzo tutti insieme verso questo fine. Un grazie a coloro che lo hanno fatto o lo stanno facendo. Consiglio: se state per pubblicare o inviare un lavoro a riviste straniere fate uno sforzo di conversione in lingua italiana per pubblicare almeno una parte dello stesso lavoro sulla nostra rivista.  In accordo con la società le monografie sono state messe da parte per non disperdere forze in questa direzione.

Messina e la commissione informatica (che come sapete mi sta molto a cuore) con l’aiuto di AdriaChannel e Adria Web e della stessa Jessica (segreteria SICM) hanno adattato il sito SICM di comunicazione introducendo la webTV che è appena partita (sistema di informazione simil-televisiva che raccoglie interviste varie di momenti di vita societaria e di congressi), aggiornando i sistemi di presentazione dei congressi e corsi. Tramite il sito è possibile iscriversi alla società ed effettuare il pagamento per l’iscrizione al congresso nazionale. Infine, si è prodotta una sorta di aggiornamento informativo per i membri della società tramite una mail settimanale od ogni 15 gg che verrà inviata a tutti i soci contenente informazioni come congressi, corsi, scadenze varie e proposte formative. Insomma il sito si è aggiornato.
La commissione formazione continua a controllare i vari congressi e corsi. A questo proposito vorrei esprimere un parere: sarebbe auspicabile una sorta di programmazione o la possibile costituzione di un circuito di formazione per i giovani (da studiare in riunioni dedicate).
La commissione soci sta ricevendo nuove iscrizioni la maggior parte delle quali deriva dai corsi base SICM di Arezzo. È chiaro che l’avvicinamento alla società deriva dalla frequentazione e una forma chiara e costruttiva è quella dei corsi su cadavere.

Alcune commissioni sono rimaste al palo: la commissione istituzione gruppi regionali e quella universitaria. Vediamo il prossimo anno se riusciamo a stimolare qualcosa in queste due commissioni.

Un grazie sempre a D’Arienzo per la sua funzione di tesoriere: il bilancio è in positivo e questo ci stimola a nuovi traguardi e ad investimenti! Teniamo presente però che il cambiamento si è avuto grazie alla visione lungimirante del past President Pajardi. L’entrata della PLS come segreteria ufficiale della società ha modificato il controllo delle nostre competenze economiche, scientifiche e culturali e di programmazione futura permettendoci di restare aggiornati ai tempi correnti. Un grazie alla PLS per il contributo e il lavoro sempre efficiente.

Atzei e la commissione linee guida stanno facendo un ottimo lavoro. Partito in sordina (ma c’era un motivo) sta compiendo non passi da gigante ma balzi verso la stesura di raccomandazioni di comportamento chirurgico (non proprie linee guida perché non possibile). Il tempo d’inerzia iniziale è dipeso dalla impostazione del metodo, dalla raccolta dati e dal coordinamento con i suoi collaboratori. Ora che tutto è chiaro, la collaborazione con altri gruppi (soprattutto con le commissioni formazione e medico legale), con società affini (Gimetra) e l’inserimento d’obbligo in ogni corso o congresso per ottenere raccomandazioni specifiche sul tema trattato, porterà i risultati sperati. Le raccomandazioni sono necessarie per il nostro lavoro e per “difenderci” da chi ci accusa di malasanità.
La commissione medico legale ha navigato bene. Partecipando ai maggiori congressi su temi legali ha raccolto informazioni da portare in società. E' già pronto il file che sarà inviato alle strutture giudiziarie e medicolegali (la volta precedente è stato 4 anni fa) contenente la presentazione dell'elenco dei chirurghi della mano certificati SICM disponibili ad aiutare l'autorità giudiziaria (aspettiamo eventuali nuove richieste di adesioni entro il 31-12-2014 e poi lo inviamo). Ricordo che la sessione di Foggia voluta fortemente da Caruso con Portincasa ha avuto un enorme successo.

Riguardo la commissione nomine, sollecito Adani (next President) a partire per stare nei tempi della consegna di un elaborato che contenga la nuova nomina. Ma di questo non ho dubbi: la sua capacità porterà in breve tempo i risultati sperati.

Un grazie a Cara per la sua efficienza e serietà: si è dimesso dai suoi incarichi per motivi legati all’attività a Cagliari. Speriamo di riaverlo presto: il suo aiuto è prezioso.
Mi soffermo ora sul Consiglio Direttivo: da più di 10 anni partecipo alla vita direttiva con varie cariche ma capisco solo ora la necessità di avere un buon gruppo che ti supporti e ti aiuti nella guida della società. Fare il Presidente non è facile. Lo rendono facile la collaborazione e le idee ed i suggerimenti preziosi dei partecipanti al CD. Come avrete visto dalle riunioni che abbiamo fatto, pur nei limiti rispetto al predecessore, ho mantenuto fede alle promesse “””dei preliminari precandidatura”””. Stimolo chiunque abbia qualcosa da dire e fare per la società, cerco di esser presente e costruttivo ma soprattutto utilizzo le mie preparazioni scientifiche per dare profondità alla società e sfrutto le mie conoscenze internazionali per fortificare congressi e corsi internazionali in Italia.
Vorrei che i due studi scientifici sulla Piezosurgery e sul Dynavisc volgessero al termine sotto il mio mandato. Siamo indietro sulla prima: alcuni hanno terminato l’indagine ma altri hanno fatto poco o nulla. Un piccolo richiamo a coloro che “non”: quando si parte per un progetto e si vuole partecipare si deve esser corretti, si deve avere la certezza di poter dare un contributo e non di esser inclusi e poi non produrre nulla!!! Della seconda se ne occupano come coordinatori Caruso e Novelli e lascio a loro i dati ma so che sta andando bene.

I corsi superspecialistici sono stati un successo. Quello sul gomito, sotto la guida di Battiston, è partito in sordina (sappiamo tutti che i motivi non sono dipesi da noi e spero che non succeda più) ma ha prodotto un risultato soddisfacente a tal punto che le società della spalla e di artroscopia hanno chiesto di poterlo fare insieme per il prossimo anno. Ricordo che la richiesta di collaborazione fu fatta da me lo scorso anno e fu bocciata dalle rispettive società. Quindi pensiamo bene se concedere loro il nostro progetto. Il corso di Adani è stato ottimo: mancava un corso così e non trovo forme simili guardando in giro nel mondo. In generale tutto può esser migliorabile e noi lo faremo (spero siano d’accordo Bruno e Roberto).

I corsi base sono una forma ormai a garanzia assoluta. Lazzerini, Espen, Tos hanno la formula vincente. Le modifiche (giustamente di ridimensionamento) adattate per i partecipanti (giovani ed inesperti), con i questionari finali per sessione ed associate alle verifiche finali obbligatorie (tesi) sono giuste. C’è un senso di adattamento costruttivo (potrei aggiungere famigliare) che è sinonimo di garanzia basato sull’esperienza dei singoli: complimenti! Di alcuni problemi relativi alle frequenze dei tutors ne parleremo in CD.
Il corso di Microchirurgia di Napoli a cui partecipiamo attivamente non mi ha visto presente ma la presenza di Tos, Adani e degli altri è una garanzia. La comunicazione fra me e loro è stata sempre attiva e costruttiva. Mi auspico che la SICPRE finalmente si agganci al gruppo!
Il prossimo anno avremo un congresso SICM tuonante con la partecipazione di stranieri che ci raggiungono dagli USA (ASSH) e dall’Australia. Il tentativo di fare un corso sul polso internazionale con la società americana (ASSH) è andato a buon fine. Ci hanno risposto positivamente e la loro partecipazione sarà inclusa anche nel congresso SICM, non a carico della società. Appena finito il congresso SICM il gruppo ASSH verrà portato ad Arezzo per il corso internazionale sul polso. Questo è un successo che spero abbia risvolti futuri positivi.

La nostra società è formata da elementi di spicco a livello internazionale (ricordo solo alcuni come Battiston, Adani, Pajardi, Ceruso, Pegoli …. che hanno e stanno dando corpo non solo alla loro persona ma anche anima alla società stessa). Non dico che dobbiamo sfruttare queste vette ma la loro presenza aiuta a crescere e rafforzare la società. Soprattutto però, sento che c’è collaborazione fra noi, non ci sono personalismi. Siamo stimati e seguiti dalle altre società, non deludiamo il futuro, proseguiamo su questa strada.

Le nostre espansioni europee e internazionali (Portinacasa e Battiston) facciano del loro meglio per garantire questa apicalità e crescita.
Volgendo al termine devo ringraziare i consiglieri, i probiviri (ottimo lavoro sul caso Rossello/Badoino) ed i revisori dei conti.
Un grazie a Giancarlo per la sua presenza e i suggerimenti che mi hanno aiutato nelle difficoltà.
Caro Roberto (next President) lo sforzo di esser Presidenti ne vale la pena e spero di lasciarti un bel pacchetto (??!)
Caro Roberto (Cozzolino) grazie dell’aiuto.
Fate buone feste

Il vostro Presidente
Riccardo Luchetti